Il capitale monetario si riproduce più rapidamente di quanto può riprodursi la natura. Così il collasso della riproduzione naturale è questione di tempo, e con questa crescente minaccia è in gioco la stessa vita umana; da qui sorge il grido disperato del soggetto e la sua resistenza. La conservazione della natura viene rivendicata con crescente chiarezza come patrimonio comune dell’umanità. L’accumulazione del capitale è incompatibile con un’economia sostenibile. Infatti essa dipende sempre più dal sacrificio della vita umana e dallo sfruttamento della natura, per cui tutta la vita è in funzione del profitto e viene da esso condizionata. L’economia alternativa sostenibile suppone e richiede un’economia solidale con la natura e con le generazioni future, non mette un’ipoteca sul futuro della vita naturale e umana con l’unico fine di accumulare più denaro nel più breve tempo, a scapito della vita delle generazioni presenti e future

(Wim Dierckxsens)

Prc_2022_01_10_Ambiente_Dierckxsens_400x230