L’uomo ha scoperto la bomba atomica.
Però nessun topo al mondo costruirebbe una trappola per topi.

(Albert Einstein)

Si invitano i lettori a far pervenire il proprio commento all’aforisma della settimana.
Il commento sarà pubblicato sul sito.

6 agosto 1945: gli Usa sganciano l’atomica su Hiroshima

Oggi ricorre l’anniversario: il mattino del 6 agosto 1945 alle 8.16, l’Aeronautica militare statunitense lanciò la bomba atomica “Little Boy” sulla città giapponese di Hiroshima, seguita tre giorni dopo dal lancio dell’ordigno “Fat Man” su Nagasaki.
Prc_2020_08_06_BombaAtomica_Einstein_02_400x230

Il mattino del 6 agosto 1945 alle 8.16, l’Aeronautica militare statunitense lanciò la bomba atomica “Little Boy” sulla città giapponese di Hiroshima, seguita tre giorni dopo dal lancio dell’ordigno “Fat Man” su Nagasaki. Il numero di vittime dirette è stimato da 100.000 a 200.000, quasi esclusivamente civili. Per la gravità dei danni diretti ed indiretti causati dagli ordigni, e per il fatto che si è trattato del primo e unico utilizzo in guerra di tali armi, i due attacchi atomici sono sotto ogni aspetto fra i crimini più efferati dell’intera storia dell’umanità.
Hiroshima e Nagasaki: i perché delle bombe atomiche su un Paese già sconfitto
73 anni fa Hiroshima e Nagasaki furono distrutte dalle bombe nucleari. Quella di Hiroshima fu una bomba all’uranio e quella di Nagasaki al plutonio, dunque furono due ordigni completamente diversi. Un doppio esperimento per gli scienziati. Esistono ancora molti malintesi circa quelle due bombe, varie fake news che circolano ancor oggi.
Sul piano tecnico quelle bombe segnarono il punto culminante del progetto Manhattan, che coinvolse migliaia di persone, con un investimento stimato in 2,5 miliardi di dollari.

Gli Stati Uniti stavano già bombardando tutte le più grandi città del Giappone con ordigni convenzionali.
Uno dei peggiori bombardamenti fu quello su Tokyo del 14 agosto 1945 – notate questa data, dopo il bombardamento nucleare! – che durò 14 ore e coinvolse 1.014 bombardieri che scaricarono 60.000 tonnellate di bombe sulla capitale giapponese. E, contemporaneamente alle bombe, la radio giapponese trasmetteva la voce dell’imperatore giapponese che annunciava la resa. Quel bombardamento fu una sorta di ultimo e inutile spettacolo pirotecnico per chiudere la guerra che il Giappone aveva già perso. Quando tutto fu finito, Harry Truman promosse l’idea che la guerra finì grazie alle bombe atomiche, le quali, tutto sommato, salvarono vite umane.
Ebbene, questa è la (falsa) versione americana degli eventi, un tema ricorrente, ripetuto in documentari, libri, articoli e film. Lo vediamo ripresentato ogni giorno nel 2018 dalle nostre televisioni, in ricorrenza delle due fatidiche date.
La storiografia seria racconta però un’altra storia, ovvero che le atomiche non accorciarono la fine della guerra, neppure d’un giorno! Fu infatti la dichiarazione di guerra sovietica dell’8 agosto lo shock più forte dei bombardamenti atomici, perché l’intervento russo era il segno che tutto era perduto per i giapponesi e che era meglio trovare un accordo con gli americani.
È interessante notare che nel 1946 Albert Einstein disse che a suo parere le bombe atomiche furono usate per chiudere la partita prima dell’attacco di Stalin. Ma il Giappone era per forza di cose destinato a essere un loro alleato degli Usa come lo era stato durante la prima guerra mondiale.
Il Giappone da mesi era alla ricerca d’una via d’uscita. Il rifiuto giapponese di resa derivava dalla dichiarazione di Roosevelt a Casablanca del gennaio 1943 di una resa “senza condizioni” che suonava bene con il suo elettorato in patria, ma che non significava nulla.
Per il Giappone sarebbe stato sufficiente un accordo che lasciasse l’imperatore sul trono di crisantemo – come alla fine accadde – e che alzasse la bandiera bianca.
Persino il generale Eisenhower s’oppose all’uso della atomica e più tardi scrisse nelle sue memorie: “Non era necessario colpirli con quella cosa orribile”.
Il capo di stato maggiore del presidente Truman, ammiraglio William Leahy, ha scritto: “L’uso di questa arma barbara a Hiroshima e Nagasaki non è stato di alcuna utilità materiale nella nostra guerra contro il Giappone. I giapponesi erano già sconfitti e pronti ad arrendersi.”
Un famoso “falco”, il generale Curtis LeMay dichiarò poco dopo il loro utilizzo: “La guerra sarebbe finita in due settimane senza l’ingresso dei russi e senza la bomba atomica…la bomba atomica non ebbe niente a che vedere con la fine della guerra.”
L’ammiraglio Chester W. Nimitz dichiarò pubblicamente, due mesi dopo Nagasaki: “I giapponesi avevano già chiesto la pace… La bomba atomica non ebbe alcun ruolo decisivo, da un punto di vista puramente militare.”
Anche l’ammiraglio William F. Halsey dichiarò pubblicamente: “La prima bomba atomica fu un esperimento inutile… [gli scienziati] possedevano questo giocattolo e volevano provarlo.”
Ma tutti erano stati convinti dalla stampa e dalle dichiarazioni rilasciate da persone del governo che il lancio delle due bombe era stato necessario per porre fine alla guerra.